Archivi categoria: Comunicati stampa

Puliamo il Mondo 2014 a Trento

Anche quest’anno si è svolta a Trento la manifestazione Puliamo il Mondo. Sabato 27 Settembre 2014, insieme agli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado Bresadola, abbiamo percorso le vie del centro cittadino e, in un paio d’ore di allegra passeggiata, i ragazzi hanno potuto raccogliere vari sacchi di rifiuti abbandonati, a testimonianza di quanto ci sia da fare ancora per educare i nostri concittadini ad avere maggiore cura della propria città.
Tra l’altro, pur potendone raccogliere soltanto una piccola percentuale di quelli buttati continuamente e maleducatamente a terra, sono stati raccolti ben 1.3 Kg di mozziconi di sigaretta.
 

No alla tripartizione del morente Parco nazionale dello Stelvio

Trento, Bolzano, Milano, Roma – 16 maggio 2014

Ultimi ritocchi in vista della disintegrazione. Domani a Bormio conferenza pubblica sul destino del Parco. Legambiente boccia la tripartizione del Parco che disapplica la legge nazionale sulle aree protette. ‘La ragion politica e i muscoli delle province autonome scrivono la parola fine su 80 anni di parco nazionale, ci opporremo in tutte le sedi a questo disegno gravemente disfattista’

Dopo 5 anni di accanimento, e una bocciatura ricevuta direttamente dal presidente Napolitano, il patto politico tra SVP e PD nazionale per lo smembramento del Parco Nazionale dello Stelvio sta per arrivare in dirittura d’arrivo, con la stesura quasi definitiva del decreto legislativo che dà attuazione alla norma di autonomia contenuta nella legge finanziaria del governo Letta, approvata dal Parlamento lo scorso dicembre. In base al testo liquidato dalla commissione paritetica tra province autonome e Governo, organismo in cui, è bene precisare, la Regione Lombardia non è presente se non come osservatore, il parco diventerebbe nazionale di nome ma non di fatto: non avrebbe più un vero ente gestore unitario (ma solo un superfluo comitato di coordinamento con funzioni di indirizzo, del tutto privo di poteri reali), nè strumenti e regole unitarie per la tutela e la gestione del territorio. Ogni Provincia potrà farsi il piano del parco sulla parte di propria competenza e darsi un regolamento a sè stante. E, cosa ancora più grave, potrà stralciare fette di parco con il solo onere di sentire i pareri di Regione Lombardia e Ministero dell’Ambiente, ma senza alcun obbligo di tenerne conto.

 

Continua la lettura di No alla tripartizione del morente Parco nazionale dello Stelvio

Le associazioni ambientaliste sollecitano la politica sul Parco Nazionale ello Stelvio

All’attenzione dei Candidati alla segreteria provinciale

del Partito Democratico del Trentino

Firmano la seguente lettera le associazioni:

Cipra, Italia Nostra, Legambiente, LIPU, Mountain Wilderness, WWF

Statement: Perché, essendo un’organizzazione apartitica, abbiamo deciso di scrivere ad esponenti di un singolo partito (in questo cas Il PD)? Non certo per adesione, di alcun genere, alla linea politica di quel partito, nè per una particolare simpatia o affinità, ma perché si sta per eleggere il segretario del principale partito trentino, che sta governando la Provincia. Ci è sembrata quindi un’occasione da cogliere per far esprimere i politici su un tema altrimenti lasciato in disparte.

Il Partito democratico del Trentino è favorevole o contrario allo smembramento del Parco Nazionale dello Stelvio?

Gentili candidati alla segreteria provinciale del Partito Democratico del Trentino,

come saprete è in discussione in queste settimane in seno alla Commissione dei Dodici una norma di attuazione che prevede la soppressione del Consorzio del Parco Nazionale dello Stelvio – fortemente voluta dalla SVP – e il sostanziale smembramento dell’importante area protetta alpina in due parchi provinciali (Trento e Bolzano) e in uno regionale (Lombardia).

Continua la lettura di Le associazioni ambientaliste sollecitano la politica sul Parco Nazionale ello Stelvio

Giornata internazionale delle zone umide

 Il suggerimento e l’invito è scattare delle fotografie al sito Ramsar del lago di Tovel o ad altre importanti zone umide (come il lago di Caldonazzo o il Lago Pudro ol il taio di Nomi) nei prossimi giorni, ed inviarle (in formato compresso, ci raccomandiamo) alla mail alpinatura@legambientetrento.it e inviare i propri commenti sulla necessità di tutela di questo sito. In questa giornata Legambiente Trento annuncia una serie di visite guidate ai suddetti laghi nei prossimi mesi che si separano dall’estate.

Invio a alpinatura@legambientetrento.it (formato zippato e/o ridotto)

Il 2 febbraio è la Giornata internazionale delle Zone Umide, protette dal 1971 dalla Convenzione di Ramsar.

Il tema di quest’anno è la convivenza possibile e necessaria tra agricoltura di qualità e tutela della biodiversità delle preziose e fragili zone umide.

 

 “Le zone umide svolgono un ruolo essenziale per la tutela della biodiversità – dichiara Legambiente -. Sono tra gli ambienti dotati della maggiore diversità biologica e sono fondamentali per mantenere la qualità e la disponibilità dell’acqua, uno dei servizi ecologici alla base della vita di tutti gli esseri viventi. I 53 siti Ramsar riconosciuti in Italia coprono oltre 60.000 ettari del Paese, sono fondamentali per la conservazione di moltissime specie di uccelli, mammiferi, rettili, anfibi, pesci e invertebrati. In Trentino ne troviamo solo uno: lo splendido lago di Tovel, nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta, nel cuore dell’areale dell’oro bruno e anche ambito di grande pregio naturalistico, di grande ricchezza anche vegetale e faunistica, tanto che ha ospitato per ben quattro anni l’esemplare maschio di lince denominato B132, che lo ha scelto come luogo adatto dopo il più lungo spostamento mai effettuato da una lince nelle Alpi. Il lago di Tovel è famoso nel mondo per il fenomeno dell’arrossamento delle sue acque, conclusosi negli anni 60. La famosa microalga che lo causava (la Tovellia sanguinea, esempio interessante degli infiniti adattamento delle forme di vita) è ancora presente nel lago, solo in minore concentrazione. Sul lago è attivo da anni anche un Centro di Alta formazione e di studio limnologico, gestito dal Muse.

Legambiente ha premiato in passato con la Bandiera Verde di Carovana delle Alpi le pratiche di mobilità sostenibile organizzate intorno al Lago dal Parco Adamello Brenta, che dimostrano che la fruizione delle zone umide può avvenire in modo intelligente e favorevole al turismo sostenibile.

Continua la lettura di Giornata internazionale delle zone umide

Coturnice: Legambiente protesta per un assurdo Piano di abbattimento.

COMUNICATO STAMPA

Trento, mercoledì 2 ottobre 2013

OGGETTO: piano di abbattimento della coturnice in Provincia di Trento, composizione e funzionamento del Comitato faunistico provinciale, gestione della fauna e venatoria in provincia.

Le associazioni ambientaliste rappresentate nel Comitato faunistico provinciale, Legambiente, LIPU, Pan Eppaa e WWF, protestano con fermezza per la decisione presa nei giorni scorsi dal Comitato stesso (con il loro voto contrario) di continuare, per la stagione venatoria in corso, la caccia alla coturnice alpina (Alectoris graeca saxatillis) malgrado la specie sia da anni in forte declino e oramai sull’orlo dell’estinzione.

Continua la lettura di Coturnice: Legambiente protesta per un assurdo Piano di abbattimento.

Puliamo il mondo 2013 con le scuole medie di Trento e Pergine Valsugana

Per l’edizione 2013 di Puliamo il Mondo, il circolo di Trento di Legambiente collaborerà con alcune scuole  secondarie di Primo Grado e precisamente le “G. Bresadola” e le “Othmar Winkler” di Trento e le “Tullio Garbari” di Pergine Valsugana. Andremo con insegnanti e alcune classi a effettuare dei percorsi in città per pulire piccole aree e sensibilizzare al corretto smaltimento dei rifiuti. Partiremo dalle sedi delle scuole Venerdì 27/9 alle 9.00, ed a Pergine anche Sabato 28/9.
Ringraziamo gli sponsor che hanno fornito i kit e le insegnanti coinvolte.

 

TUTTI GLI ISCRITTI CHE VOGLIONO AIUTARCI NELL’ORGANIZZAZIONE POSSONO contattarci all’indirizzo info@legambientetrento.it 

Escursioni per “Carovana delle Alpi”

Il circolo di Trento di Legambiente organizza nell’ambito della “Carovana delle Alpi”, due escursioni in località particolarmente interessanti dal punto di vista ambientale e/o per questioni all’ordine del giorno per quanto riguarda la gestione del territorio. Insieme a tutti i soci che vorranno partecipare (e a chi vorrà unirsi tesserandosi a Legambiente per l’occasione!) visiteremo quindi il parco geologico Bletterbach (Domenica 15/9) e Cima Serodoli (22/9)

In entrambi i casi ci troveremo alle 8 presso  

 

 info@legambientetrento.it

Valdastico: basta pressioni, è un’opera da non fare

COMUNICATO STAMPA
Nuove pressioni per la Valdastico Nord: ribadiamo il nostro no
E’ di pochi giorni fa la notizia di un incontro a Roma tra il Ministro delle Infrastrutture Maurizio
Lupi e i rappresentanti della Regione Veneto e delle Province autonome di Trento e Bolzano. Scopo
dell’incontro, tra gli altri, è stato quello di cercare di ammorbidire la posizione delle due Province
autonome, da sempre contrarie al prolungamento Nord dell’autostrada Valdastico.
Di qui il riaccendersi del dibattito (e dei connessi appetiti) sulla questione: sono recentissime le
dichiarazioni del presidente di Confindustria Trento Paolo Mazzalai e del senatore della Lega Nord
Sergio Divina, entrambi pronunciatisi a favore della realizzazione dell’opera.
Il circolo di Trento di Legambiente torna a chiedere che finiscano le pressioni per la realizzazione di
questa infrastruttura costosa, inutile (sposterebbe solo i problemi di traffico della Valsugana alla
valle dell’Adige, con rischio di problemi ben maggiori) ed evidentemente dannosa per il delicato
ecosistema alpino. La realizzazione di quest’opera infatti:
 è incoerente con la priorità di spostare il trasporto merci su rotaia, perseguita con azioni
concrete da tutti i governi dell’arco alpino tranne il nostro, che la utilizza però per
giustificare la realizzazione di altre discutibili opere;
 è incoerente con i piani esistenti di sviluppo del trasporto ferroviario merci sull’asse del
Brennero (e sulla Valsugana), risultando concorrenziale con l’intermodalità su rotaia;
 è espressamente in contrasto con i dettami della Convenzione delle Alpi, di cui il
Parlamento Italiano ha recentemente1 ratificato anche il protocollo relativo ai trasporti.
Un’opera di questo tipo, in contrasto con il modello di sviluppo di trasporto che l’Unione Europea
sta portando avanti da anni, è quindi qualcosa che, per parafrasare gli slogan dei costruttori,
l’Europa ci chiede di NON fare.
Il circolo di Legambiente di Trento chiede piuttosto che:
1. Si definiscano subito nuove politiche per il trasporto merci volte al disincentivo del trasporto
su gomma: esse potrebbero non solo essere vantaggiose per l’ambiente, ma potrebbero
anche creare posti di lavoro sul territorio, innovazione ed efficienza per le imprese.
2. Si potenzi subito la linea ferroviaria della Valsugana e si pianifichi lo spostamento su di essa
di una parte del traffico merci che avviene oggi su strada.
Il circolo di Trento di Legambiente
info@legambientetrento.it

Le città sostenibili

Il circolo di Trento di Legambiente invita la cittadinanza alla presentazione del libro:
Le città sostenibili
con l’autore Andrea Poggio
vicedirettore generale di Legambiente
 
Trento, Giovedì
13/6/2013, ore 20.30
Sala Auditorium
Circoscrizione San Giuseppe
Santa Chiara, Via Perini 2
 
La presentazione del libro sarà occasione anche per discutere assieme dell’urbanistica della nostra città e dei relativi problemi. Invitiamo quindi anche autorità, comitati ed associazioni interessate all’argomento a partecipare.